tel: +39 0925 456789 - email: info@itervitis-magon.eu

Tunisia

Scopri gli itinerari Tunisini del progetto Magon

Grombalia, Neferis e la montagna di piombo

Il promontorio su cui sfavillò la stella di Cartagine interrompe la curva armoniosa del Golfo di Tunisi, e costringe il mare in un’ansa più profonda addossata alla penisola di Cap Bon.

Vai all’itinerario

Nabeul e il museo archeologico

La costa meridionale della penisola di Cap Bon è stata, negli ultimi vent’anni, oggetto di un vorticoso sviluppo turistico, celebrato da un fiorire di insediamenti di carattere internazionale.

Vai all’itinerario

Cap Bon e Kerkouane, la città ritrovata

Cap Bon è considerato un ponte gettato attraverso il Mediterraneo, e non solo metaforicamente: la sua stessa geologia fa ipotizzare che sia un prolungamento della Sicilia.

Vai all’itinerario

placeholder-360x195@2x

Il Bardo, Tunisi e la Medina

Il Museo del Bardo conserva un immenso patrimonio artistico incentrato sull’arte musiva, di certo il più completo e rappresentativo di tutto il bacino del Mediterraneo

Vai all’itinerario

placeholder-360x195@2x

Cartagine: le Ville Romane e il palmento

Il percorso di Magon si snoda tra le ville romane di Cartagine, dove è stato ritrovato un antico palmento: la superficie di pigiatura sovrasta il deposito delle anfore, alcune delle quali
ancora intatte.

Vai all’itinerario

placeholder-360x195@2x

I vini di Magon e i Porti Punici

La storia del vino in Tunisia, e per converso nel Maghreb, assomiglia al corso di quei fiumi sotterranei che improvvisamente vengono inghiottiti da un anfratto, e poi ricompaiono dopo chilometri altrettanto vivi e rigogliosi, ma diversi.

Vai all’itinerario